Home

Vinile e Rarità Audio

NOSTALGICO VINILE MENU

 

Universo Claudio Lolli

La leggenda Claudio Lolli

Claudio Lolli la Leggenda

Claudio Lolli e il Club Tenco, antenati e discendenti

Lettera a Claudio Lolli

Claudio Lolli, un amore eterno

Claudio Lolli date Concerti Partecipare

Leggenda Club Tenco

Amilcare Rambaldi e il suo Club Tenco

 

Amilcare Rambaldi e il suo Club Tenco

I dimenticati dal Club Tenco

Club Tenco anni 70

Club Tenco, arte e mestiere

 

Vi racconto di

Claudio Rocchi

Gianni Siviero

Bob Dylan

Mike Oldfield

Tom Waits

Uriah Heep

 

Nicchie d'Autore

Nicchie d'Autore

Angoli dove in pochi vanno a guardare

Video Cantautori

Video canzone d'autore  italiana mondiale

 

Raro Audio Rassegna Club Tenco anni 70

Ibs Musica

 

La Feltrinelli Libri

Servizi ed Utility

 

Malinconicoblues

Link e Banner

Mappa del sito

 

Lo studio di Radio Stereo 103 Sanremo nel 1976

 

Senza nulla voler togliere alle altre emittenti locali, negli anni '70 Radio Stereo 103 è stata la radio libera  più importante di Sanremo. A dire il vero,  lo è ancora oggi, evoluta tecnologicamente, al passo coi tempi e con la musica di consumo attuale, tutto quello che si vuole....

La nascita di Radio Stereo 103 Sanremo avvenne , però, sotto ben altre insegne e stimoli ben distanti dal propagandare musica di facile consumo...., diventando un'autentica "Radio di Frontiera", specchio del  Jazz, Blues, Rock, Canzone d'autore Italiana e Straniera,  insomma di tutto il nuovo, l'inusuale, il diverso che stava avanzando su ogni fronte,  non soltanto nel panorama musicale. Inevitabilmente diventò l'emittente  radiofonica di maggior successo e ascolto della città dei fiori e di gran parte  del ponente Ligure, arrivando a riscuotere ampio consenso anche nella vicina costa azzurra.

Non c'erano soldi da guadagnare per quella nutrita schiera di speakers (allora si chiamavano così) che si occupavano dei vari programmi, curati con la propria passione e risorse personali, quindi soprattutto con i dischi di cui ci si era innamorati e in possesso di ognuno. Ovviamente non esisteva alcun archivio cui attingere alcunché, in quanto il nuovo, il diverso, l'inusuale non potevano  essere un piatto già pronto, una minestra riscaldata, e neppure una sorta di database preordinato.  Diciamo che l'archivio musicale si stava invece creando proprio in quel momento, anche ad uso e consumo delle generazioni successive che hanno riciclato poi in lungo e in largo tutta la musica che quella generazione anni  70 stava "partorendo dalle proprie costole esistenziali", se mi è consentito il termine.....

Tra il 1976/1978 tutto procedeva a Radio Stereo 103 solo grazie alla smisurata passione di quei pionieri, con modeste strumentazioni, anche di fortuna.... La sola soddisfazione di quegli "speakers" era far conoscere agli altri  la musica che loro conoscevano già...., tutto qui.

In altre città stava accadendo la stessa cosa....

Rammento programmi improvvisati anche alle due o tre del mattino, spesso senza alcuna scaletta o pianificazione.  Semplicemente ci si ritrovava lì dietro ad un microfono e un mixer, e  su tutti gli amanti della notte si riversava la musica che scendeva dalla collina della Madonna della Guardia, sulle alture di Sanremo, avvolgendo la città intera.  Ovviamente era una musica diversa dal passato, una nuova canzone spostata a sinistra, cioè verso il cuore di chi l'aveva creata....., e questo dava fastidio ai ragazzotti di destra di cui Sanremo era piena. Ricordo, di notte, le minacce ricevute al telefono dell'emittente, tanto che ci si doveva sprangare dentro il piccolo edificio per evitare pestaggi. La struttura di Radio Stereo 103,  che ospitava la strumentazione e la passione di chi si trovava lì in quel momento a trasmettere musica e parole verso l'etere indefinito, si affacciava, dall'alto, sul mare, spaziando su tutto l'orizzonte.

Personalmente, curavo il programma sulla Canzone d'Autore, che aveva come sigla iniziale il brano "Jazzman" di Carole King...

Prima di diventare un buon investimento e un ottimo affare per chi in seguito rilevò la proprietà dell'emittente, Radio Stereo 103 Sanremo fu un covo di ostinati sognatori musicali, senza paga né tornaconto alcuno, quando la sola passione e le utopie sembravano potessero  bastare per esistere.....  Anche diffondendo quella musica, si pensava di poter cambiare il mondo....

In realtà la vita funziona diversamente, ma noi ancora non lo sapevamo....

 

 

Radio Stereo 103 Sanremo nel 1977

COME ERAVAMO

La foto è davvero d'epoca, sbiadita al punto giusto, ritrae quella pattuglia di appassionati di musica, compreso il sottoscritto,  che consentì a Radio Stereo 103 di affermarsi definitivamente come l'emittente libera più importante nell'ambito locale di Sanremo, la città dei fiori e delle canzonette.....

Ma in quel lontano 1977 le canzonette non trovarono posto sulle frequenze dell'emittente, solo quella musica di qualità che fu il vero specchio di tutta la generazione anni '70.

Nella foto si riconoscono (si fa per dire) da sinistra a destra GABRIELE SCARZELLO,  PINO CALAUTTI,  ANTONIO VOLPE,  PAOLO STALTARI,  MARIA PIA CERRUTI,  LUIGI ACCATINO,  GIULIANO SERVETTI,  ROBERTO BERIO,  GANDOLFO PATENO',  MARCELLO BOERI  E  AGNESE

(Malinconicoblues)

UN BREVE ESTRATTO AUDIO ORIGINALE

DAL  MIO PROGRAMMA

A RADIO STEREO 103 SANREMO nel 1977

Un paio di brani di Giorgio Laneve  e Joan Baez

 

 

Ecco un sito realizzato da alcuni "pionieri", che riscostruisce la storia delle Radio e delle Televisioni libere in Italia. www.storiaradiotv.it