Home  Nostalgico Vinile Video Artisti Siti Servizi
 

Home

Vinile e Rarità Audio

NOSTALGICO VINILE MENU

 

Universo Claudio Lolli

La leggenda Claudio Lolli

Claudio Lolli la Leggenda

Claudio Lolli e il Club Tenco, antenati e discendenti

Lettera a Claudio Lolli

Claudio Lolli, un amore eterno

Claudio Lolli date Concerti Partecipare

Leggenda Club Tenco

Amilcare Rambaldi e il suo Club Tenco

 

Amilcare Rambaldi e il suo Club Tenco

I dimenticati dal Club Tenco

Club Tenco anni 70

Club Tenco, arte e mestiere

 

Vi racconto di

Claudio Rocchi

Gianni Siviero

Bob Dylan

Mike Oldfield

Tom Waits

Uriah Heep

 

Nicchie d'Autore

Nicchie d'Autore

Angoli dove in pochi vanno a guardare

Video Cantautori

Video canzone d'autore  italiana mondiale

 

Raro Audio Rassegna Club Tenco anni 70

Ibs Musica

 

La Feltrinelli Libri

Servizi ed Utility

 

Malinconicoblues

Link e Banner

Mappa del sito

STEFANO ROSSO

Raccolta VIDEO CANZONI

Stefano Rosso

 

BREVE BIOGRAFIA STEFANO ROSSO

Stefano Rosso ci ha lasciati troppo presto, il 16 Settembre 2008. Appartenente alla cosiddetta Scuola romana dei cantautori,   raggiunse la notorietà grazie alla canzone "Una storia disonesta", di cui si ricorda la frase "Che bello, due amici, una chitarra e uno spinello", con cui in modo scanzonato lancio una provocazione all'universo moralista e borghese italiano. Si era in pieno clima anni 70...

Era definito un cantautore di seconda linea, almeno rispetto a più celebrati colleghi di quel tempo.  Come spesso accade dopo la morte, si assiste ora ad un riscoperta delle sue canzoni, anche da parti di giovani appassionati dediti all'esplorazione  di tutto lo scibile cantautorale degli anni 70, un territorio in  cui si può attingere a piene mani, e raramente a vuoto...

Nato a Roma nel 1948, Stefano Rosso, pseudonimo di Stefano Rossi, si è caratterizzato per i testi ironici, dissacranti e spesso autobiografici e musiche che conciliano la canzone popolare romanesca con il country e il folk americano, spesso con arpeggi in finger picking molto elaborati e mai banali.

Nel 1974 scrisse due sue canzoni, "C'è un vecchio bar nella mia città" e "Valentina", che vennero interpretate da Claudio Baglioni nel programma televisivo "Ritratto di un giovane qualsiasi" del 1974. L'anno successivo partecipò come chitarrista fisso della trasmissione "Alle sette della sera", condotta da Gianni Morandi ed Elisabetta Viviani. Nel 1976 l'Rca pubblicò un suo 45 giri "Letto 26", che partendo da una sua degenza in ospedale (al letto 26) per una tonsillitectomia racconta la sua vita a Trastevere, in via della Scala (dove all'epoca Stefano Rosso abitava), e che riscosse un discreto successo.

Pochi mesi dopo venne pubblicato "Una storia disonesta", in cui, in un racconto ironico e divertente post-sessantottino, faceva capolino, forse per la prima volta nella canzone italiana, lo spinello. L'album che seguì di poco (gennaio 1977) prese il titolo da questa canzone ed ebbe successo. Dopo "Una storia disonesta", che lo portò a ricevere nel 1977 il telegatto di Sorrisi e Canzoni, incise "E allora senti cosa fo", in cui, oltre alla canzone omonima, vi è una rilettura con un testo diverso di "Letto 26" e altre canzoni come "Odio chi" e "Bologna '77" dedicata a Giorgiana Masi, la ragazza uccisa il 12 maggio 1977 durante una manifestazione del Partito radicale a Roma.

Stefano Rosso - E allora senti cosa fo

Stefano Rosso - Donne


Ricordiamo nel 1979 la collaborazione con Gianni Marchetti, autore delle musiche di alcune canzoni di Piero Ciampi, con l'album "Bioradiografie". Il disco venne praticamente boicottato dalla Rca, fatto questo che causò le ire e la rescissione del contratto con la casa discografica da parte di Rosso. Nel 1980 partecipò al Festival di Sanremo con "L'italiano", inserito nell'album "Io e il signor Rosso" pubblicato dalla Ciao record, insieme a canzoni come "Quello che mi resta" e "Quando parti' Noè", canzone, quest'ultima, scritta da Stefano Rosso per uno spettacolo del gruppo di cabaret La Smorfia, con Massimo Troisi. Seguirono altri due dischi, "Vado, prendo l'America e torno" e "Donne".

La sua popolarità si ridusse quando tutte le cosiddette seconde linee della canzone d'autore italiana vennero spazzate via dal disinteresse generale. In  crisi per una delusione amorosa, si arruolò nella legione straniera; dopo un paio di anni ritornò e incise nel 1985 per la Polygram, partecipando al Disco per l'estate con il brano "Bella è l'età". Nel 1987 viene pubblicato su 45 giri "Com'è difficile", e nel 1989 esce l'album "Femminando", con poco riscontro di pubblico. La Rca pubblica nel 1997 "Miracolo italiano", una raccolta con tre inediti, mentre nel 2001 "Il meglio" racchiude nuove versioni delle sue canzoni piu' famose oltre che alcuni inediti e "Preghiera" incisa nel 1976 da Mia Martini. Negli ultimi anni Stefano Rosso aveva ripreso a fare concerti e a pubblicare dischi, spesso live o strumentali per chitarra acustica.  Se n'è andato all'età di 58 anni, nessuno gli intitolerà un museo, mentre qualcuno proverà a non dimenticarlo. Compreso chi scrive...

(liberamente riadattato da  fonte www.tgcom.mediaset)

Stefano Rosso

 

 Stefano Rosso rende omaggio a Mia Martini

 

Lascia qui un pensiero per Stefano Rosso

 

 

   

  

 

 

 

  

 

Ultime Notizie