Home  Nostalgico Vinile Video Artisti Siti Servizi
 

Home

Vinile e Raritą Audio

NOSTALGICO VINILE MENU

 

Universo Claudio Lolli

La leggenda Claudio Lolli

Claudio Lolli la Leggenda

Claudio Lolli e il Club Tenco, antenati e discendenti

Lettera a Claudio Lolli

Claudio Lolli, un amore eterno

Claudio Lolli date Concerti Partecipare

Leggenda Club Tenco

Amilcare Rambaldi e il suo Club Tenco

 

Amilcare Rambaldi e il suo Club Tenco

I dimenticati dal Club Tenco

Club Tenco anni 70

Club Tenco, arte e mestiere

 

Vi racconto di

Claudio Rocchi

Gianni Siviero

Bob Dylan

Mike Oldfield

Tom Waits

Uriah Heep

 

Nicchie d'Autore

Nicchie d'Autore

Angoli dove in pochi vanno a guardare

Video Cantautori

Video canzone d'autore  italiana mondiale

 

Raro Audio Rassegna Club Tenco anni 70

Ibs Musica

 

La Feltrinelli Libri

Servizi ed Utility

 

Malinconicoblues

Link e Banner

 

Torna a Claudio Lolli articoli e interviste

CLAUDIO LOLLI

 

Uomini veri, lontani dal Grande fratello

E' di uomini che avremmo bisogno, uomini veri. Uomini che sappiano parlarci delle loro angosce quotidiane, dei loro difetti, delle loro miserie, della loro impotenza. E' di uomini che dovremmo parlare, uomini autentici. Uomini stanchi di ridere sepolti da un eterno, inutile carnevale, stanchi di naufragare tra amanti, direttori, mogli, stadi, schedine, precetti. Uomini e donne normali, e percio' straordinari, vorremmo incontrare tra le strade delle nostre citta', dei nostri paesi, dei nostri quartieri, nelle scale dei nostri palazzi. Uomini e donne capaci ancora di commuoversi, di piangere, di arrabbiarsi, di capire, di ragionare, di valutare. Di gioire. Di piccole e di grandi cose, di conquiste, di sconfitte, di rinunce, di sacrifici. Ce n'e', ce n'e'. 

Uomini e donne, persone che non si sono lasciate omologare, che hanno scelto la dimensione dell'essere umano vivo, non quella sotto vuoto spinto imposta da chissa' quale Grande fratello che dall'alto ci guarda, ci guida, ci protegge. Ci distrugge....

 Claudio Lolli fa pochi dischi, pochi concerti. In radio passa raramente. In tv, poi, mai. Che avra' fatto di buono Lolli per meritare questo? Chi lo ha salvato dall'intruppamento, dalla generalizzazione, dall'appiattimento degli atteggiamenti, dei modi di essere e di fare? Ha fatto semplicemente l'uomo libero. Libero non senza dubbi. Libero non senza tormenti. Libero, semplicemente, dai condizionamenti del mercato, diventato da quando lui comincio' a cantare, un supermercato "canti tre paghi due" o giu' di li'. Certo per uno che ha scritto le poesie che ha scritto lui, ci voleva quella che Paolo Rossi definirebbe una bella dose di "culo" a non finire ingabbiato, a non cedere alla tentazione del business. Ma la sua fortuna e' la coscienza, dunque tutt'altro che superstizione. 

Oggi i piu' celebrati miti del cantautorato politico degli anni '60 e '70 non cantano per meno di pacchetti di decine e decine di milioni, alloggiano in alberghi con piscine e panorami, i piu' comodi e i piu' lontani dalle strade della gente. Fatti loro, giusto. Chissenefrega!

Lolli, pero', no. Lui canta con la gente, per la gente. Con la gente, anzi, spesso dorme pure prima e dopo i suoi concerti, che costano poco a chi li organizza, molto a chi li ascolta. Moltissimo. Perche' riaprono il conto con te stesso, con gli altri, con tutti quelli che viaggiano da una vita con l'etichetta apposta dalla casa madre, prodotto doc controllato all'origine, e con tutti quelli che le etichette se le sono fatte stampigliare strada facendo, quando hanno ceduto di schianto alla tentazione di non essere piu' nessuno, ma di appartenere a qualcuno. Non essendo il primo un male, ma una collocazione possibile e naturale e, dunque, estremamente dignitosa, continueremo a preferirla alla seconda, per quanto sia male contagioso e sempre piu' comune.

Di uomini avremmo bisogno.

Uomini veri. Come Lolli.

(dal sito La Brigata Lolli)

 

   

  

 

 

 

  

 

Ultime Notizie